…coming soon…

12 Dic 2019 CORSI e WORKSHOP @ntonella
…coming soon…

Dalla rabbia all’idea

Talk con Antonella Di Girolamo

Cos’è la rabbia ?

la rabbia è un’emozione peculiare del mondo animale, compreso l’umano.

È una “Irritazione violenta prodotta dal senso della propria impotenza o da un’improvvisa delusione o contrarietà, e che esplode in azioni e in parole incontrollate e scomposte” (en.Treccani)

Ma è negativa o positiva? Dipende.

Possiamo sicuramente pensarla negativa quando esplode e diventa distruttiva per noi stessi e per gli altri.

Ma la rabbia, essendo un’emozione che ci appartiene, è inevitabile provarla; se si riesce a esprimerla in maniera produttiva e assertiva, può, addirittura, diventare positiva e liberatoria.

Per fare questo è necessario conoscere le motivazioni scatenanti e scoprire i propri reali bisogni.

La sofferenza, che diventa insofferenza, molto spesso è all’origine della rabbia e della collera.

Caratteristica dell’intossicazione da rabbia è l’avvelenamento della mente che spesso contamina e anche il corpo.

Chi di rabbia ferisce di rabbia perisce.

Come tutte le emozioni non vanno trattenute, bloccate o respinte ma solo “governate”.

Come farlo? Ognuno troverà il suo modo.

Questo è il mio: affido la mia rabbia alle foto e al fotografare.

La forte energia di questa emozione la indirizzo verso un progetto fotografico e la utilizzo per buttarla all’esterno.

Urlare al mondo la fotografia; arte silenziosa ma non muta.

A volte è solo sfruttando un’energia così forte che trovo il coraggio e la forza di dire la mia.

“Dire la mia” ovvero canalizzare la rabbia in una comunicazione forte, assertiva, chiara e diretta, ma non distruttiva né aggressiva, può farci conquistare la libertà, l’indipendenza e la quiete, che dopo la tempesta sarà sicuramente ed efficacemente fertile.

Una delle domande che qualche volta mi viene rivolta è “ma come ti è venuta quest’idea?” solitamente con un leggero moto e/o espressione di stupore

Come nasce un’idea, un progetto, una foto che vuole essere liberatoria?

La risposta, non raramente, è “mi arrabbio”.

Il mare d’inverno.